10 + 2 L BIOPLASMA MARINO METODO QUINTON

codice prodotto: 10002L

€ 350,00

AGGIUNGI AL CARRELLO
 

10 + 2 L BIOPLASMA MARINO METODO QUINTON

10 flaconi da 1 litro più 2 in omaggio

(giorni di spedizione:lun-mar-mer)
Il Bioplasma Marino metodo Dr. Quinton è una soluzione isotonica straordinariamente efficace per ripristinare l’equilibrio e il benessere cellulare.


UN PO'DI STORIA

Il Dr. Quinton studiò e sperimentò approfonditamente le proprietà dell’acqua marina ed ottenne degli straordinari risultati. Uomini, donne e bambini quasi moribondi ritornati ad un equilibrio corporeo prima impensabile. Molte patologie infatti, reagivano alle iniezioni (ATTENZIONE ! OGGI SONO VIETATE IN ITALIA) di acqua di mare diluita - un vero e proprio "plasma marino" in grado di rimineralizzare un organismo malato, normalizzarne il livello di pH (acido-alcalino) verso il basico e bilanciarne gli elettroliti, correggendo in tal modo la causa prima di molte patologie rigenerando il "terreno interno", come lo definiva Quinton *. Anche gli esperimenti seguenti la sua morte confermarono le straordinarie proprietà di questo trattamento.


COS'E' IL BIOPLASMA MARINO DEL DR. QUINTON

Il Bioplasma Marino è acqua di mare prelevata tra i 30 metri di profondità dalla superficie del mare e più di 10 metri dal fondo marino, nell'oceano Atlantico, in punti specifici chiamati “vortex” ricchi di fito- e zoo-plancton che aiutano ad incorporare i minerali nella catena alimentare aumentando così la loro biodisponibilità. A differenza degli altri tipi di acqua, non deve essere sterilizzata a caldo ma con un particolare procedimento a freddo. L'acqua di mare presente nelle soluzioni viene ultrafiltrata e resa sterile in laboratorio per mezzo di opportune tecniche di elettrodialisi che la trasformano in "siero di mare", o plasma di Quinton. Questo processo tecnologico permette di rendere l'acqua di mare altamente compatibile con l’organismo umano e di mantenere inalterate le virtù benefiche dei sali minerali (calcio, magnesio e solfato) e degli oligoelementi (ferro, rame, manganese, zinco, selenio).


L'OCEANO DENTRO DI NOI

Molti ricercatori sostengono che l’assenza di anche uno solo dei minerali necessari all’organismo possa causare sino a 10 diversi sintomi patologici, e uno studio universitario (Dewaine e Ashmed) ha dimostrato come la carenza di oligoelementi impedisca la corretta assimilazione delle vitamine assunte tramite la dieta alimentare. L’acqua di mare può fornire tutti i sali minerali e gli oligoelementi necessari all’organismo. Contiene infatti tutti i 92 elementi della Tavola di Mendeleev, è composta per il 96.5 % da acqua e per il restante 3.5% da minerali e oligoelementi.
Storicamente l'acqua dell'oceano (plasma) ha avuto numerose applicazioni, basate sul concetto di rinnovamento, purificazione e rigenerazione dell'ambiente dei fluidi interni, nonché sul mantenimento dell'equilibrio dell'organismo, e si è inoltre dimostrato un elemento di sostegno e rigenerazione delle funzioni cellulari. Parallelamente, si deve osservare che il grande scienziato francese Antoine Béchamp considerava il sangue come una sorta di tessuto fluido piuttosto che un semplice elemento liquido.
Nonostante la nostra grande competenza tecnica, la natura complessiva dell’acqua di mare sfugge alle analisi. Essa presenta alcune qualità viventi che superano la somma delle sue parti; non è possibile prosciugarla e ricostruirla o sintetizzarla in un laboratorio chimico. Inoltre l'acqua di mare ha qualcosa che la rende superiore alla "semplice acqua": essa infatti sostiene la vita. Il premio Nobel in medicina e fisiologia (1912) Alexis Carrell, un francese trasferitosi negli USA, ha spiegato le qualità insostituibili dell’acqua di mare e per dimostrarlo ha tenuto in vita per 26 anni i tessuti di un cuore di pollo tenendolo immerso in Plasma di Quinton. Dopo la morte di Carrell, l’esperimento è stato proseguito per altri 8 anni.
In realtà, si potrebbe di fatto affermare che abbiamo interiorizzato l'oceano dentro di noi e che questo medium ricco di sostanze nutritive è la sorgente della vita; ogni cellula dell'organismo è immersa e si alimenta in essa.
L'acqua raccoglie e porta via i prodotti di scarto del metabolismo cellulare; ha una forza vitale diversa da quella della soluzione salina presente negli appositi sacchetti degli ospedali, la quale non è altro che una soluzione di sale alimentare da tavola e semplice acqua, che risulta essere “tossica” per lo squilibrio degli elementi.
Il sale da tavola raffinato ha ben poche corrispondenze con il sale marino grezzo, non raffinato e ricco dei minerali che dovremmo utilizzare, e il nostro organismo ne paga le conseguenze.


BIOPLASMA E MENOPAUSA

Utilizzare il Plasma di Quinton isotonico migliora in modo significativo la qualità della vita delle donne in menopausa. I risultati mostrano significativi miglioramenti nei sintomi come dolori articolari, depressione o ritenzione di liquidi.
Lo dimostra uno studio condotto dalla specialista in Ginecologia e Medicina Integrativa , Dr.ssa. Isabel Fernández Domínguez e la naturopata Kathy Von Korff, in cui le pazienti hanno riscontrato grandi benefici rispetto ai classici sintomi presenti durante la menopausa grazie all'uso del Bioplasma Marino. Per maggiori dettagli su questo studio e altri si veda l' opuscolo illustrativo "Bioplasma Marino metodo Dr. Quinton, guarire con l'Acqua di mare".


BIOPLASMA E MAGNESIO
Si veda nell'opuscolo illustrativo "Bioplasma Marino metodo Dr. Quinton, guarire con l'Acqua di mare" come sia possibile moltiplicare il tenore di magnesio nel sangue per otto o per dieci in poche settimane e non avere più bisogno di assumere integratori di magnesio.



*A seguito dei suoi studi il biologo René Quinton ebbe una suggestiva intuizione: “la composizione del mezzo liquido interno, sangue e linfa, di tutti gli organismi viventi” -ipotizzò – “è fisiologicamente simile all’acqua di mare”. La scienza lo derise, mancavano le prove. Quinton accettò la sfida e organizzò la prova sperimentale in un locale pubblico (laboratorio di Fisiologia Patologica del College de France). L’esperimento fu fatto su un cane del peso di 10Kg che venne dissanguato in quattro minuti. L’animale andò in coma. Quinton sostituì il sangue con 6,6 Kg di acqua di mare diluita con acqua distillata (circa i sette decimi del peso dell’animale): il cane resuscitò.
L’esperimento venne ripetuto per confermare che l’acqua di mare è “come sangue” e dunque tale da non comportare mai pericoli, iniettando a un cane “più del suo stesso peso” in acqua marina diluita. Gli animali ripresisi in pochi giorni, saranno “più vivaci di prima” come avessero cioè avuto un preciso beneficio, trovando nell’acqua di mare un apporto vitale superiore a quello stesso del sangue sottratto loro.

NB: Le informazioni qui riportate non intendono sostituirsi al parere del medico
od ai farmaci e non intendono suggerire, implicitamente o esplicitamente, la
sospensione delle cure mediche eventualmente in corso.
I prodotti devono essere assunti sotto la piena responsabilità del diretto
interessato.